L’e-commerce scopre di aver fatto videomarketing per la concorrenza. Come evitare di commettere lo stesso errore (anche se non vendi prodotti online)

ecommerce

ecommerce

Da tempo seguo la pagina facebook di un negozio specializzato in microfoni,il cui sito chiamerò www.imicrofoni.it (nome finto).

 

Ignazio è la faccia del negozio (sia fisico che e-commerce) e ha deciso saggiamente di utilizzare il videomarketing per spingere la vendita dei prodotti.

  • si impegna con costanza nella creazione di video utili
  • spiega le caratteristiche tecniche dei microfoni
  • aiuta l’utente nella scelta del microfono più adatto alle proprie esigenze.

Sui social i suoi video ottengono migliaia di visualizzazioni e diversi apprezzamenti, conquistando la fiducia del pubblico ed una certa autorevolezza.

Nonostante queste premesse, ci troviamo davanti al tipico caso in cui video non funzionano a causa di un grosso errore di marketing strategico.

ERRORE 1 Videomarketing : Nessuna Call To Action

Alla fine dei suoi video appare giusto il nome del sito internet in sovrimpressione; manca una call to action per invogliare a visitarlo, non vi è alcun valido motivo per spingere l’utente a lasciare la mail (sul sito) in cambio di qualcosa (una guida/report ad esempio). 

Quindi ammesso che ci sono state persone che dopo aver visto il video hanno visitato il sito,una volta uscite da quest’ultimo non hanno lasciato traccia (il loro dato di contatto).

Ignazio non potrà far altro che sperare che l’algoritmo di Facebook (dove pubblica i video) gli permetta di raggiungere quante più persone possibili. 

ERRORE 2 Marketing Strategico : vende troppe cose

Ignazio nonostante abbia chiamato il sito www.imicrofoni.it , ha deciso di vendere altri prodotti e servizi :

  • casse 
  • luci 
  • videoproiettori
  • schermi
  • allestimento palchi 
  • ventole da palcoscenico 

Non solo ha perso completamente la focalizzazione,ma si sta creando tutta una serie di problemi logistici che hanno un costo.

Questi ulteriori prodotti e servizi li vende direttamente, anziché proporli solo dopo l’acquisto di un microfono, o tramite nuovi brand dedicati. 

Un utente che cerca su Google la parola ”microfono”,e trova Ignazio perché parla di quell’argomento, l’ultima cosa che farà è andare nel suo sito per comprare la ”ventola da palco”.

È come se il tuo macellaio di fiducia vendesse ANCHE tutta una serie di bibite non pensate appositamente per la carne; tu non vai dal macellaio per comprare le bibite,ma per la carne,le bibite (generaliste) le compri al supermercato.

Errore 3 Marketing Strategico : è un rivenditore

Questo è l’errore principale della sua attività che vanifica il videomarketing.

Ignazio vende gli stessi identici prodotti che possono essere acquistati altrove ad un prezzo più basso.

Quegli stessi microfoni non solo si possono acquistare da altri negozi specializzati,ma anche in grosse catene come Mediaworld, o semplicemente su Amazon.

L’IMBARAZZANTE TENTATIVO DISPERATO PER NON FALLIRE

Ignazio si è reso conto troppo tardi del grosso problema strategico, ed ha deciso di applicare un accorgimento molto furbo ma per niente intelligente…. ha deciso di mostrare i prodotti senza menzionarne la marca.

Guarda l’immagine qui sotto

 

 

”DM 226” è il modello di una marca sconosciuta la cui descrizione è generica

”Microfono per voce e canto”

L’utente vuole sapere tutto, soprattutto leggere le recensioni degli altri che l’hanno già acquistato,anch’esse assenti nel sito di Ignazio; quindi la persona di sposterà su Amazon e lo comprerà lì.

MORALE DELLA FAVOLA

Ignazio continuerà a produrre video ignorando che questi non risolveranno il grave errore di marketing strategico della sua attività.

Riceverà visualizzazioni,mi piace,apprezzamenti,visite al sito,e conquisterà autorevolezza….ma il suo pubblico comprerà lo stesso prodotto su Amazon spendendo meno.

Purtroppo molti commettono questo errore;casi simili sono coloro che recensiscono cellulari (o qualsiasi altra cosa), i quali si possono acquistare nel negozio più vicino o su Amazon, e il recensore non guadagnerà nulla.

 

Come ho già detto in passato:

Il tuo videomarketing funziona se hai già fatto un buon lavoro di marketing strategico fatto prima, se la tua concorrenza non è online, o se è presente in modo molto basico ad esempio con giusto un sito vetrina.

ecommerce ecommerce ecommerce ecommerce ecommerce